L'Angolo della Poesia

Jacqueline Masi Lanteri - Giugno 1973

 

R'arba aa Cuardenta

 

L'alba a Colle Ardente

 


Miracu d grasia A granda dtsa a curu D vire e viurete n sciu Mri pcin fan r'ugliet Cnai da bfi lgri Varige unde d sa

Vjn, arbu brniti s'aisu auti scir fund nv d r'Arp, bajiae d rsa arbgia.

Mitri, dlong antig e nv R tgnurs lnt d tre, d'algr rjvgl pransuse ar su, gce d brina, fan 'n r'erba, dsigni ljnti d tndri drapi prsisi

tnta, n mg a t ciairu, Arcunuscenta e cnt a Ti, Signu: a ta Blsa pglia n la creasiun

r m sig dait, n d, d'aguaita.

 


Portento di grazia l'immensa distesa a colori di mammole e viole (1) piccole facce ammiccanti, cullate da refoli vaghi: seriche onde cangianti.

Da presso conifere brune si alzano sul niveo fondale de l'Alpi (2),baciate da roseo albeggiare.

Antica maliasempre nuova (3), lo spengersi lento di stelle, presaghe di gaio risveglio stelle iridate (4) di guazza creano trame lucenti, nell'erba orditi di tremule gemme.

Opaca, in mezzo a tal splendore, spontaneo tono(5) elevo a Te o Signore: tua Bellezza riflessa nel creato

mia sia dato, mistica, mirare .

 

1)     A fine maggio straordinaria fioriture di viole del pensiero e violette multicolori

2)     Alpi Marittime ancora innevate

3)     Le perfette leggi del cosmo

4)     Colpite da un raggio di luce

5)     Canto di gratitudine e di ammirazione